martedì 15 marzo 2011

Tapenade


Ottima salsa tipicamente provenzale per crostini o bruschette, ma buonissima anche per condire la pasta, per accompagnare pesce cotto al vapore o crudités di verdure. Non so se esiste una ricetta vera e propria, di sicuro  non devono mancare le olive nere (possibilmente quelle piccole e saporite della Provenza,  simili a quelle taggiasche), le acciughe, i capperi e l’olio. Per gli altri ingredienti ognuno si regola secondo il proprio gusto. 
Curiosità: questa salsa prende il nome dalla parola "tapeno" che in Provenza significa "cappero".



Tapenade

Ingredienti per 2 vasetti

360 g di olive taggiasche snocciolate
60 g di acciughe sott’olio
40 g di capperi
2 cucchiai di erbe di Provenza
1 spicchio di aglio
1/2 cucchiaino di pepe
1 cucchiaino di fiori di lavanda
Abbondante olio evo

Inserire tutti gli ingredienti in un mixer o nel frullatore e ridurre in crema. Regolate la consistenza aggiungendo dell’olio.  
Si conserva anche 3 o 4 settimane in frigorifero in vasetti di vetro con un filo d'olio in superficie.









Con questa ricetta partecipo al contest dei blog  


  



11 commenti:

  1. questa Tapenade mi fa davvero impazzire! l'ho scoperta solo un annetto fa, ma l'ho trovata da subito molto stuzzicante, soprattutto come antipasto spalmata su una bruschetta calda.
    ammetto di non aver mai provato a farla in casa, ma adesso grazie alla tua ricetta posso finalmente provarci, anche perchè è difficilissimo trovarla in commercio!
    PS. trovo il tuo blog molto interessante. e complimenti per le foto sono davvero molto invitanti!

    RispondiElimina
  2. Grazie mille Daniel, sei davvero molto gentile

    RispondiElimina
  3. assolutamente deliziosa e le tue foto gli rendono giustizia, bravissima!

    RispondiElimina
  4. Non so se avrò difficoltà a trovare i fiori di lavanda, ma questa salsa è assolutamente da provare! Baci

    RispondiElimina
  5. L'ho sempre mangiata...senza mai nemmeno sapere come si chiamasse....aspetta che me la segno!!! un bacio

    RispondiElimina
  6. la mangiavo in Provenza anche nella versione verde!

    RispondiElimina
  7. questa è tutta da fare... Donatella sei un mito... la conoscevo, ma non ho mai trovato la ricetta giusta BRAVISSSSSSSSSSSSIMA !!!!!

    RispondiElimina
  8. una bontààààà....Ciaooooo

    RispondiElimina
  9. Grazie per la ricetta,le erbe di Provenza le ho,mi mancano i fiori di lavanda ma non fa niente,proverò lo stesso.

    RispondiElimina